Outdoor nella Valle dell’Aventino

La Valle dell’Aventino, che circonda la Maiella Orientale da Casoli a Palena, offre una gamma molto interessante di servizi e opportunità per chi vuole organizzare uno o più giorni all’aria aperta:

- Rafting sull’Aventino: il fiume grazie ad agevoli rapide ed adeguate pendenze è divenuto punto di riferimento per gli amanti del rafting. Tra i servizi offerti: scuola ed escursioni in gommone, mini gommone e kajak.

- Passeggiata per vedere le spettacolari Gole di San Martino e i ruderi del Monastero del VII secolo di San Martino in Valle (Fara San Martino).

- Visita alle Grotte del Cavallone (Taranta Peligna), le grotte naturali più alte d’Europa (sono aperte nella stagione calda, ma è consigliabile telefonare per sincerarsi). Una cestovia conduce fino a 1.400 metri di quota, vicino all’ingresso del percorso speleologico, molto spettacolare, che misura circa 1.200 metri.

- Escursioni con pernottamento in quota: da Lama dei Peligni (2 ore) o dalla Grotta del Cavallone (30 minuti), si può raggiungere il Rifugio Fonte Tarì, ben attrezzato (13/18 posti letto, cucina a gas, bagno, corrente elettrica e stufa a legna), ideale campo base per salire al Monte Amaro.

- Eremo della Madonna dell’Altare: questo eremo celestiniano, che è anche ostello (info 348 5306292), si raggiunge in auto o a piedi da Palena.

- Iuvanum (Montenerodomo), che fu santuario Sannita del popolo dei Carricini, città Romana e monastero Benedettino, oggi è un parco archeologico con annesso museo molto interessante da visitare.

- Picnic: due consigli per un magnifico picnic con barbeque nella valle sono la Fonte della Noce (Lettopalena) e il Parco delle Acque Vive (Taranta Peligna).

I commenti sono chiusi