Una cena indimenticabile

Oltre alla compagnia e alle alchimie dei sentimenti che rendono prezioso il tempo che si passa insieme, quali sono gli elementi che aiutano a rendere una cena indimenticabile? A tavola ciascuno di noi, probabilmente, ha i propri “tasti dell’emozione” e quando si premono quelli giusti l’incantesimo comincia. Vediamone alcuni. La cucina sublime da sempre è quella che riesce ad arrivare alle stelle… Michelin naturalmente! In questo territorio due destinazioni, una di terra e l’altra di mare, per non farvi sbagliare:

- Villa Maiella: proprio a due passi dal borgo di Guardiagrele, la famiglia Tinari riesce a proporre una cucina raffinata e tipica con l’aiuto delle migliori materie prime del territorio molte delle quali di produzione propria (come i magnifici maiali neri).

- Al Metrò (San Salvo): qui Nicola Fossaceca celebra uno straordinario compromesso tra innovazione e tradizione, raccontando la cucina di mare in piatti di entusiasmante semplicità.

L’atmosfera magica. Senza girarci intorno: la Costa dei Trabocchi è il luogo di elezione. Molte di queste arcaiche “macchine da pesca” protese sul mare d’estate diventano ristorantini. Sulla terra “più ferma”, diverse osterie di mare vi riservano il privilegio di una vista speciale. I sapori della memoria, ovvero quelli che credevi non esistessero più. Due indicazioni: il brodetto di pesce e la cucina rurale Frentana. Per il brodetto e le altre hits della cucina tradizionale di pesce, fate riferimento a: Trattoria San Domenico a Ortona; l’Angolino da Filippo, storico ristorante di San Vito; Trattoria da Ferri a Punta Penne (Vasto);  Hostaria del Pavone e Cibo Matto a Vasto. La cucina rurale Frentana vi stupirà con la sua identità forte e integra. Ecco i piatti da assaggiare assolutamente: lu rintrocele, sagne a pezze, spaghetti alla trappetara, pizz’ e foje, pallotte cace e ove, coniglio sotto il coppo e cif e ciaf, rigorsamente accompagnati dalla pizza scima.

I commenti sono chiusi